Home » Lavorazione del legno, saper scegliere il legno giusto

Lavorazione del legno, saper scegliere il legno giusto

Vorresti realizzare dei progetti fai da te con il legno ma non sai come scegliere il materiale? Ecco i consigli che aspettavi!

Spesso quando si inizia a lavorare con il fai da te, il legno è uno dei primi materiali utilizzati. Tuttavia conoscerne le caratteristiche non è semplice, ma può rivelarsi molto utile soprattutto per i principianti.
Vediamo quindi le principali caratteristiche e differenze tra i legni e come poter selezionare il legno adatto al tipo di lavorazione da effettuare.

Differenze per peso specifico
Il legno si può distinguere per peso specifico e si divide in:

Legni dolci
I legni dolci hanno un peso specifico minore, ma non sempre sono più teneri e facili da lavorare, anche se comunque sono tra i più comuni. Tra questi rientrano il pino, l’abete, il larice, il pioppo e si usano per costruire ad esempio strutture portanti, sistemi di travi e telai di mobili;

Legni duri
I legni duri hanno un peso specifico maggiore e sono più sagomabili dei legni dolci. Sono adatti alla creazione di mobili rustici e soprammobili, all’intaglio e al lavoro al tornio, oltre ad essere più pregiati. Tra questi rientrano il noce, il faggio, il frassino, il teak, il mogano e si usano nella costruzione di mobili e nell’arredamento di interni in genere.

Il truciolare
Robusto e rigido, viene utilizzato per realizzare mobili, ripiani, ante. Consiste in un pannello di trucioli pressati e incollati con resine specifiche. Non è da utilizzare con le normali viti da legno e non risponde bene all’umidità. Se poi si impiallaccia, sembra identico al legno massello. Può costituire piani lisci e molto duri, se laminato con resine speciali.

Il compensato
Questo tipo di legno derivato può essere multistrato o pianiforte. Il multistrato consiste in fogli di legno incollati tra loro e con le fibre poste in senso alternato. È stabile e robusto, si taglia, si fora e si incolla in modo semplice. Il pianiforte consiste invece in listelli incollati tra loro rendendo il pannello resistente. Le facce sono poi rivestite con fogli di compensato. È utilizzato per costruire librerie e scaffali o scrivanie.

Il compensato marino
Nel caso del compensato marino i fogli sono uniti da una colla resistente all’acqua ed è ottimo per strutture da esterni.

MDF
È costituito da un impasto molto fino, compatto e duro. È simile al legno massello come lavorabilità e viene utilizzato per mobili da impiallacciare.

Ultime Notizie